• Sanificazioni

La sanificazione e il problema dell'inquinamento indoor

La Pellicano Verde SpA opera nel campo delle sanificazioni ambientali dal lontano 2001, da quando è entrata in possesso dei requisiti tecnici ai sensi del DM 247/97, in applicazione della Legge 82/94, per lo svolgimento delle attività di pulizia, disinfezione e sanificazione, nel rispetto della salute pubblica, dell’ambiente che ci circonda e delle norme vigenti.
Per offrire un servizio impeccabile, il team della Pellicano Verde SpA si affida costantemente alla ricerca scientifica chimica e biologica, al progresso tecnologico e alle direttive del Ministero della Salute. Gli interventi, infatti, sono pianificati in relazione al tipo di agente patogeno da debellare e all’ambiente oggetto della sanificazione, scegliendo le tecniche e i prodotti più appropriati; il personale incaricato è competente e costantemente formato, sempre munito di idonei dispositivi di protezione individuali (dpi). L’Azienda seleziona e differenzia attentamente i prodotti chimici da utilizzare in ambienti interni ed esterni, sposandoli con le tecniche più adatte alla loro natura e al tipo di intervento.
La disinfezione e la sanificazione degli ambienti sono misure da intraprendere sia in tempi non sospetti, per eliminare inquinanti, virus e batteri più conosciuti e a cui siamo esposti più frequentemente, sia in momenti difficili come nel caso della pandemia da SARS-CoV-2. Di particolare importanza, per migliorare la qualità della nostra vita, è la sanificazione degli ambienti indoor, il cui inquinamento è largamente sottovalutato ma dovuto non solo ad agenti biologici.
Quando si passa la quasi totalità del tempo in casa, uffici, scuole e palestre, aumenta il rischio di infezioni respiratorie, insorgenza di sintomi asmatici, malattie cardiovascolare, disturbi irritativi e altri. La causa è da attribuirsi a tutti gli inquinanti presenti negli ambienti chiusi che sono il frutto delle nostre attività quotidiane; anche la polvere può essere un pericolo perché ricettacolo per molti microrganismi.
Per migliorare la qualità della nostra vita, bastano poche e semplici regole:

  • aprire le finestre per permettere il cambio di aria;
  • non eccedere nell'uso dei prodotti per la pulizia oltre la dose consigliata;
  • pulire regolarmente i filtri dei condizionatori;
  • evitare alti valori di temperatura e umidità dell'aria.
A tal proposito, il Ministero della Salute ha pubblicato sul sito ufficiale (www.salute.gov.it) un resoconto, riportato di seguito, delle principali fonti interne e degli inquinanti da queste rilasciate:
Principali agenti indoor e potenziali fonti interne

FONTI

INQUINANTI

Processi di combustione a gas o carbone per riscaldare e/o cucinare, camini e stufe a legna, gas di scarico veicoli

Prodotti di combustione (CO, NOx, SO2, particolato)

Materiali da costruzione e isolanti

amianto, fibre vetrose artificiali, Particolato, Radon; Agenti biologici (per presenza di umidità e/o polvere)

Materiali di rivestimento e moquette

formaldeide, acrilati, COV e Agenti biologici (per presenza di umidità e/o polvere)

Arredi

formaldeide, COV e Agenti biologici (per presenza di umidità e/o polvere)

Liquidi e prodotti per la pulizia

alcoli, fenoli, COV

Fotocopiatrici

ozono (O3), polvere di toner, idrocarburi volatili (COV)

Fumo di sigaretta

idrocarburi policiclici, COV formaldeide, CO, particolato fine

Impianti di condizionamento

CO2 e COV (per scarso numero di ricambi orari o eccesso di riciclo); Agenti biologici (per mancanza di pulizia/manutenzione)

Polvere

Agenti biologici (allergeni indoor: acari)

Individui

CO2 e Agenti biologici (batteri, virus ecc.)

Animali

Allergeni indoor (peli ecc)

Sorgenti naturali (lave, tufi, graniti, ecc.)

Radon

VISUALIZZA OPUSCOLO A SCHERMO INTERO